Le IPO più calde degli ultimi anni nel settore Cloud

Cirullo - Il Fatto Digitale da Business Insider

Se avete mai chiesto ai vostri amici cosa ne pensano degli investimenti nell’hi-tech, è probabile che abbiate ottenuto come risposta non più di uno sbadiglio. Non la pensano così, ovviamente, gli investitori.
Gli operatori che gravitano attorno a Wall Street infatti, hanno pompato centinaia di milioni di dollari nel corso degli ultimi anni in aziende che stanno creando la prossima generazione di hardware e software e alimentando il nostro futuro basato sul cloud.
Dai creatori di software che vi permetteranno di eseguire qualsiasi applicazione da qualsiasi dispositivo alle aziende open-source che alimentano la grande rivoluzione dei dati, qui per voi un elenco di quelle che, tra Silicon Valley e Wall Street, hanno “eccitato” il mercato con le loro IPO.

Box
La starup di File-sharing e condivisione BOX è attiva dal 2013 , e la società prevede di quotarsi entro la fine di quest’anno, dopo aver confidenziale presentato istanza di un’offerta nel mese di gennaio.
Nel mese di dicembre 2013, Box è stata in grado di ricevere un altro enorme finanziamento di 100 milioni di dollari, arrivando a raccogliere fino ad ora oltre 400 milioni di dollari. Oltre ai finanziamenti, Box ha realizzato quattro acquisizioni nel 2013 e ora conta oltre 20 milioni di utenti.

MongoDB
MongoDB fornisce software e supporto in una delle aree più importanti dell’industria tecnologica: i database. inizialmente open-source, dal momento del passaggio a un modello di business nel 2009, il sito è diventato uno strumento fondamentale  per le aziende che necessitano di potenti tecnologie scalabili, come Foursquare, Craigslist e The New York Times.
La società ha raccolto circa 223 milioni dollari in finanziamenti sin dal suo inizio, che ha portato la sua valutazione a circa 1,2 miliardi di dollari a fine 2013.

Dropbox
Dropbox ha avuto forse il più grande successo nel corso degli ultimi anni. Basti pensare che quando Apple non acquistò la società anni fa, Steve Jobs andò su tutte le furie. Dropbox ora è stimata con una valutazione di 10 miliardi di dollari. Ora, dopo la vendita di Motorola a Lenovo, la società è stata in grado di strappare l’ex Googler Dennis Woodside come primo COO a febbraio di quest’anno.

Join the conversation
Source: BusinessInsider.com

Tags

Post Correlati

Commenta l'articolo

*

Top